Un vecchio cane aveva sempre assecondato il padrone affrontando senza timore tutti gli animali selvatici forti e veloci. Ma, invecchiando, cominciò a perdere le forze. Una volta, aizzato a battersi con un irsuto cinghiale, gli addentò un orecchio, ma poi, a causa dei denti cariati, mollò la presa. Allora il cacciatore, arrabbiato, prese a sgridare il cane. Rivoltandosi contro di lui, il vecchio cane disse:”Non è il mio coraggio che ti abbandona, ma le mie forze. Se adesso disprezzi ciò che sono, almeno loda ciò che sono stato”. Caro Filete, capisci molto bene perchè ho scritto questo racconto.

Articoli correlati