Con questa favoletta spiegheremo perché è da sciocchi non prendere precauzioni per sé ma dare consigli agli altri. Un passero biasimava una lepre che, ghermita da un’aquila, strillava con grida acute. “Dove è finita – diceva – la tua famosa agilità? come mai ti si sono bloccati i piedi?”. Ma mentre parlava, un avvoltoio artigliò proprio lui che non se lo aspettava e lo uccise mentre gridava inutilmente. La lepre, tramortita, bisbigliò: “Ecco, muoio confortata. Tu, che poco fa, con tanta sicurezza irridevi alla mia sventura, adesso piangi la tua disgrazia lamentandoti come facevo io”.

Articoli correlati